Se la realtà

Print Friendly, PDF & Email

Se la realtà

 

Se la realtà dovesse avere i colori di quanto i miei occhi hanno visto, i miei orecchi sentito e il mio cuore provato, allora ci sarebbe poco da argomentare a quanti non osano immaginare vi sia una gioia oltre quanto viviamo ogni giorno.

Oggi sentiamo definire eroi coloro che fanno il loro dovere; se chiamiamo eroi coloro che fanno il loro dovere e lo devono fare in modo quasi impossibile, allora le parole da usare sono altre ed andrebbero su quanti hanno responsabilità del loro operare.

Anni fa mia madre entrò al pronto soccorso di un ospedale italiano (ed io ero presente): aveva mal di testa e senso di nausea; il dottore ebbe a parlare di un po’ di influenza e di qualche forma di vittimismo. La notte stessa a casa, mia madre morì di emorragia cerebrale.

Mio padre ebbe un ictus ed il giovane dottore del reparto discuteva con la dottoressa del pronto soccorso, dell’ospedale italiano, su chi tra reparto o pronto soccorso dovesse applicare la procedura sperimentale e d’ emergenza per eliminare i trombi nel sangue. Passarono alcune ore e mio padre ne ebbe dei danni che portò poi nel suo degradante futuro.

Tante persone pensano che basti pensare di metterci impegno e con spirito stoico affrontare la vita quotidiana, la professione e l’impegno nel mondo.

E quanto dura questo impegno? Sulle sole forze umane dura quanto dura ed in forma altalenante, fino al suo sparire.

Persino in ambiente religioso, ormai da anni, ragionano con questi schemi.

Ed allora continuiamo a pubblicizzare creme anti-age con testimonial diciottenni o a dire che quanto facciamo lo facciamo perché amiamo la nostra nazione.

Il Vangelo di Giovanni (6,44-51) dice: “Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre”

 

Remo Rosati

14 Dicembre 2020

 

L’autore Remo Rosati si riserva ogni diritto sui brani contenuti sul sito e da lui firmati

 

Click to rate this post!
[Total: 0 Average: 0]